Cenni climatici e storici:

  • Il clima è generalmente mite, più ventilato nelle zone costiere, verso l'interno tende a essere più continentale con escursioni termiche più marcate rispetto alla costa

  • Terreno prevalentemente collinare

  • il nome deriva dagli Etruschi, da essi prese il nome di Etruria prima , da cui derivò Tuscia ( per i Romani) e successivamente Tuscania ( Toscana)

  • La tradizione vitivinicola risale a prima del VII secolo a.C.

  • Gli etruschi importarono la vite dall'Oriente coltivandola con il metodo a sostegno vivi (Alberata)

  • E' una delle regioni italiane che si produce più vini di qualità

  • Terza regione come numero di DOCG

Principali vitigni bacca rossa:

  • Sangiovese di Toscana

  • Canaiolo nero

  • Ciliegiolo

  • Colorino

  • Malvasia nera

  • Mammolo

Internazionali

  • Cabernet franc

  • Cabernet Sauvignon

  • Merlot

  • Sysah

Principali vitigni bacca bianca:

  • Albarola

  • Ansonica

  • Malvasia Toscana

  • Vernaccia di San Geminiano

  • Trebbiano toscano

Internazionali

  • Chardonnay

  • Sauvignon Blanc

  • Viogner

Sangiovese Vitigno principale bacca rossa:

  • Vitigno più coltivato in italia ( 700.000 ha) conosciuto già dagli etruschi

  • Molto sensibile ai fattori esterni quali terreno e clima ed è in grado di adattarsi, genera vino molto diversi in base alle caratteristiche delle varie zone in cui è coltivato

  • Ha maturazione molto tardiva predilige un inverno freddo ed una estate calda e siccitosa

  • Per esprimersi al meglio necessita di terreni collinari poco fertili, argillosi-calcarei con abbondante scheletro*

  • Due grandi sottovarietà in base alla grandezza dell'acino con nomi diversi in base alla zona

    • Sangiovese piccolo​ --> Morellino in Maremma

    • Sangiovese grosso --> Brunello a Montalcino e Prugnolo Gentile a Montepulciano

Trebbiano Vitigno principale bacca bianca:

  • Vitigno bianco più coltivato in italia (55.000 ha)

  • Ha origini molto antiche citato da Plinio il vecchio della naturalis Historia

  • E' più corretto parlare di Trebbiani, una "famiglia" che comprende diverse varietà tra cui:

    • Trebbiano Spoletino​

    • Trebbiano Romagnolo

    • Trebbiano d'Abruzzo

    • Trebbiano Toscano -- in Umbria Procanico e in Francia Ugni Blanc ( base per il cognac)

Il Chianti:

  • Risale al 1398 il primo documento storico in cui il nome Chianti è associato al vino prodotto 

  • Fino al 1932 per "Chianti" si intende il vino prodotto all'interno dei confini definiti da Cosimo de' Medici corrispondente circa all'odierno "Chianti Classico"

  • Nel 1924 nasce il consorzio per la difesa del vino tipico del Chianti, simbolo è il "Gallo Nero"

  • Nel 1932 il Ministero dell'Agricoltura ampliò la zona del Chianti, includendo sette  sottodenominazioni

  • Nel 1932  aggiunge il suffisso "Classico"

  • Nel 1996 il "chianti classico" ottiene un disciplinare autonomo

    • Il territorio:​

  • Il tipo di suolo che caratterizza l'area è molto variabile. Dato comune a quasi tutta la zona, è la presenza di Galestro e alberese ( marna calcarea). Questo terreno ricco di scheletro è particolarmente adatto per il Sangiovese. A questo si aggiungono delle differenze climatiche tra le varie zone che contribuiscono a caratterizzare i vini.

Chianti Classico:

  • Nel 1967 ottiene  DOC e nel 1996 la DOCG

  • Dal 2016 è vietato l'utilizzo di vitigno a bacca bianca

  • Base Ampelografica: Sangiovese 80/100 % altri vitigni bacca nera autorizzati max 20 % 

    • Annata 1° ottobre un anno dopo la vendemmia​

    • Riserva 24 mesi di cui 3 mesi in bottiglia dal 1 gennaio successivo alla vendemmia

    • Gran selezione 30 mesi di cui 3 mesi in bottiglia dal 1 gennaio successivo alla vendemmia

  • Contenitori ammessi: bottiglia bordolese, Fiasco toscano tradizionale e fascetta "Gallo Nero"

Chianti:

  • Nel 1967 ottiene  DOC e nel 1984 la DOCG

  • Base Ampelografica: Sangiovese 70/100 % - cabernet Sauvignon e Cabernet Franc max 15% sono ammessi vitigni bacca bianca autorizzati max 15 % 

    • Annata 1° marzo successivo alla vendemmia​

    • Riserva 24 mesi (3 mesi in botte in base alle sottozone) dal 1 gennaio successivo alla vendemmia

    • Superiore  12,5 % alcool in volume

  • Contenitori ammessi: bottiglia bordolese, Fiasco toscano tradizionale

Il governo toscano:

  • è una tecnica di cantina tradizionale nei due disciplinari del Chianti

  • Consiste in una lenta rifermentazione del vino aggiungendo uve leggermente appassite

  • Si usa per vini non destinati all'invecchiamento

  • Funzionamento:

    • Una parte delle uve viene messa ad appassire su graticoli​

    • Vengono aggiunte al vino dopo la prima fermentazione (novembre)

    • Si avvia la fermentazione che contribuisce a dare morbidezza e prontezza di beva

Il Brunello di Montalcino:

  • Nasce grazie ad una intuizione di Clemente Santi verso il 1860 nella tenuta del Greppo

  • In controtendenza per l'epoca decise di usare un clone di Sangiovese caratterizzato da una bacca più grossa e scura con buccia più spessa

  • A fine '800 Ferruccio Biondi Santi inizia a vinificarlo in purezza, con ottimi risultati, ed avvia una selezione dei cloni migliori che porterà all'odierna caratterizzazione.

  • Primo vino in italia ad ottenere la DOCG nel 1980 ( disciplinare modificato nel '84 e '98)

  • Oggi conta più di 200 produttori su un territorio di circa 2100 ha

    • Il Territorio​

  • ​Il Sangiovese è un vitigno fortemente influenzato dal terroir, ogni versante della collina è caratterizzato inoltre da cambiamenti microclimatici che incidono sui vini

  • Nord-Ovest: è meno sfruttato composto da galestro e alberese alternato a zone di argilla o detriti alluvionali

  • Est-Nord Est: è costituito principalmente da marne argillose di origine pliocenica con terreni galestro argillosi "Vini più ruvidi più acidi ma più longevi"

  • Ovest-Sud Ovest: dominato dai terreni galestrosi con clima più mite, risente dell'influenza della cosa :"Vini più morbidi, ma meno longevi"

  • Nel 1966 ottiene  DOC e nel 1980 la DOCG

  • Base Ampelografica: Sangiovese Grosso 100 % -

  • Riserva invecchiamento minimo 6 anni 

  • Contenitori ammessi: bottiglia bordolese

  • Zona di produzione: Comune di Montalcino SI

Il Vino Nobile di Montepulciano:

  • Un'antica leggenda vuole Montepulciano fondata per volontà del re etrusco Lars Porsenna, seguito dagli abitanti di Chiusi che diedero nome al colle Mont Politicus

  • Sante Lancerio, celebrava il Montepulciano come il "vino per le tavole dei nobili" da qui forse l'origine del nome Vino Nobile.

  • All'inizio del '900 la maggior parte del vino prodotto era chianti, il nobile di Montepulciano sembrava ad appartenere al passato, la DOC e poi la DOCG segnano la rinascita

  • ​Base Ampelografica: Sangioveve grosso (prignolo Gentile) minimo 70 % altri vitigni bacca nera autorizzati max 30 % son ammessi vitigni bacca bianca autorizzati max 5 %
  • Riserva invecchiamento minimo 3 anni 

  • Contenitori ammessi: bottiglia bordolese

  • Zona di produzione: Comune di Montepulciano SI

La vernaccia di San Gimignano:

  • Vanta una tradizione antichissima

  • I documenti delle gabelle di San Gimignano lo segnalano già nel 1276

  • Viene citata da Dante Alighieri Boccaccio, Cecco Angiolieri e Buonarroti

  • E'La prima DOC in italia 1966 e uni DOCG bianca della Toscana 1993

  • Base Ampeolografica: Vernacia di San Geminiano minimo 85 % altri vitigni bacca bianca (non aromatici) autorizzati massimo 15 %

  • Riserva immisione al consumo 1 gennaio dopo la vendemmia

  • Contenitori ammessi: bottiglia bordolese

  • Zona di produzione: Comune di San Gimignano SI

Bottiglia Bordolese

I supertuscans:

  • Tra la fine degli anni '60 e la metà del '70 alcuni produttori decisero di "declassare" i loro vini da DOC a VdT per poter usare altri uvaggi oltre a quelli dei disciplinari

  • Nacquero vini completamente nuovi che utilizzavano tecniche e soprattutto vitigni completamente diversi ( principalmente alloctoni)

  • L'origine del nome pare sia da attribuirsi alla stampa enologica americana verso la fine degli anni '70, per definire questi vini apprezzatissimi oltre oceano

  • Col passare del tempo hanno raggiunto fama e prezzi molto elevati, ottenendo in alcuni casi, riconoscimenti particolari anche in termini di disciplinari.

  • Lista completa Supertuscans

* scheletro: la parte rocciosa (pietre) presente nel terreno