Cenni storici e climatici:

Si articolava in tre zone:

  • Nord del Vulturno, detta dell'Agro Falerno, che comprendeva la fasci costiera dei golfi, con le città marittime di Cuma e Neapolis;

  • La piana di Nola, posta attorno a Capua

  • Cales e Teano a Nord

L'origine della viticoltura in queste zone a partire dall'VIII-VII a.C. con al colonizzazione Greca nella zona di Ischia, ma vi è anche una origine etrusca attorno a Capua.

Clima mediterraneo

Clima continentale

Precipitazioni da 850 a oltre 2000 mm/anno

Allevamento ad Alberata

Montagna 35% - Collina 50% - Pianura 15%

Principali vitigni bacca rossa:

  • Aglianico

  • Aglianicone (Parente del cigliegiolo)

  • Pallagrello

  • Piedirosso

  • Sciscinoso

Principali vitigni bacca bianca:

  • Asprino

  • Biancoletta

  • Catanesca

  • Coda di Volpe

  • Fiano

  • Pallagrello

Taurasi DOCG:

In Irpinia, Aglianico genera vini molto ricchi, ma anche dotati di grande eleganza, che uniscono , all'impronta animale calde sensazioni floreali, si nota il giacinto, frutto dolce e morbido con una sensazione confortevole, dopo qualche minuti dall'apertura escono i sentori di cannella e coriandolo, ottimo è l'equilibrio dei tannini con gli *antociani. Da bersi in compagnia di un cosciotto d'agnello, cacciagione da pelo arrosto e stico di montone al forno..

Greco di Tufo DOCG:

Il Greco di Tufo è un vino nobile derivante da un vitigno antico, di origine greca, importato in Campania e coltivato nella zona di Napoli prima e in quella di Avellino poi, nei pressi di quel nucleo che divenne la città di Tufo. Il terreno argilloso calcareo e ricco di componenti minerali, le importanti pendenze delle colline della zona e le intrinseche peculiarità dell’uva stessa, allevata con una bassissima resa per ettaro, si fondono in un’interpretazione liquida profumata e dal tratto minerale fuori dal comune, adatta anche a importanti evoluzioni nel tempo. L’area in cui è allevato è la più piccola, in rapporto all’estensione del territorio, tra le denominazioni irpine, nonché connotata da caratteristiche eterogenee che ne fanno uno dei vitigni autoctoni a bacca bianca principe della zona. Personalità e buon corpo, freschezza e bouquet ricco e intenso: un vero purosangue campano.

*Antociani: Composti chimici presenti nella buccia degli acini, il cui colore cambia con l'acidità dell'ambiente in cui si trovano, aventi formula di struttura del tipo