il Bruciato

La cantina:

La degustazione:

Abbinamento

I'm a paragraph. Click here to add your own text and edit me. Let your users get to know you.

Il vino:

il Bruciato

La cantina:

La degustazione:

Abbinamento

I'm a paragraph. Click here to add your own text and edit me. Let your users get to know you.

Il vino:

Cannonau di Sardegna 2014

 

l'uomo, la terra, il vino ...: Trenta anni fa l’acquisto del primo ettaro di vigneto coltivato direttamente con l’aiuto dei tre figli. L’azienda lungo questi anni è cresciuta insieme alla famiglia. Grazie a Dio. Mamoiada è un paese della Sardegna al centro della Barbagia. Paese dei Mamuthones, ha nella maschera tradizionale un grande patrimonio rimasto integro dopo migliaia di anni, che affonda le sue radici nelle ritualità sacre delle antiche popolazioni locali. Mamoiada è posta a 650 metri sul livello del mare ed i suoi terreni agricoli hanno origine da disfacimento granitico. L’Azienda Giuseppe Sedilesu ha nell’agro di Mamoiada quindici ettari di vigneto a Cannonau, allevato ad alberello, e piccole superfici di uve bianche chiamate in loco Granazza.

Filosofia Produttiva: Fare il vino, essere bravi a farlo, per noi risulta essere il rispetto, per prima cosa, della qualità delle uve, unica componente indispensabile per fare un buon vino.
Affermare di fare un buon vino comunque è generico perchè si possono fare tanti buoni vini diversi tra loro, dalle stesse uve, ma per noi lo spartiacque è la tradizione, che significa: il voler produrre un vino rispondente per tipologia e tipicità a quello che abbiamo “incarnato” fin dalla tenera età, che riconosciamo come “nostro vino”. Anche nelle cose nuove che abbiamo fatto, esempio l’uso delle barriques per i due vini Carnevale e Perda Pintà, cerchiamo di salvare l’anima del vino che deve risultare sempre evidente e legata al nostro territorio.

La nostra cantina è posta dentro l’abitato di Mamoiada ed è costruita ex novo su nostro progetto, adattato nei minimi particolari alla nostra filosofia produttiva. I materiali costruttivi sono certificati come edilizia biologica: cemento cellulare, pietra, legno. E’ dotata di impianto foto-voltaico calcolato per produrre nel rispetto dell’ambiente tutta l’energia necessaria alla nostra attività. Anche l’estetica, con una vela in pietra che richiama gli antichi nuraghi e domina la faccia fronte strada, è legata al nostro territorio. La lavorazione è fatta su due livelli: la vinificazione e l’imbottigliamento nel piano terra; nel piano interrato la bottaia e l’affinamento in bottiglia.

L’azienda è a base familiare con Giuseppe e Grazia, oggi ultra settantenni, che sono stati gli iniziatori ed i loro tre figli Antonietta sposata con Emilio, Francesco con Rosa e Salvatore con Mariella con le rispettive famiglie, 13 figli in tutto, che seguono l’azienda.


La storia: La nostra azienda vitivinicola è nata 35 anni fa con l’acquisto del primo ettaro di vigneto. Per anni abbiamo prodotto vino sfuso che vendevamo nei paesi vicini. Ma nell’anno duemila, con il passaggio dell’attività a noi figli, pensammo di provare ad imbottigliare il nostro Cannonau, per vedere se quei profumi ed il gusto, che fanno parte di noi, incarnati fin dall’infanzia, potessero essere apprezzati in una fascia di mercato di alta qualità. In questi dieci anni abbiamo raddoppiato la base produttiva, costruito la nuova cantina e ci apprestiamo ad avviare l’attività agrituristica ed enoturistica.
Facciamo parte del consiglio di amministrazione del Consorzio di Tutela del DOC Cannonau di Sardegna e della Strada del vino Cannonau che avvia ora i primi passi.

Mi presento:

  • Uvaggio: 100% Cannonau di Mamoiada

  • Sistema di allevamento: Alberello

  • Rese medie: 40 q/ha

  • Titolo alcolimetrico: 15-16% vol.

  • Acidità totale: 5,5

  • Estratto totale: 29

  • Anidrite solforosa: 30-50 mg/l

  • Epoca di vendemmia: Ottobre

  • Fermentazione: spontanea

  • Durata di macerazione: 20-25 giorni

  • Pressatura: soffice

  • Maturazione: per 14-16 mesi in barriques da 225l

  • Filtrazione: non filtrato

  • Affinamento in bottiglia: per almeno 6 mesi

  • Per finire: E’ il Cannonau più "moderno" dell’azienda grazie all’uso, abile ed equilibrato di piccoli legni (20% nuovi) . I profumi si caratterizzano per decise note speziate e di grafite. Al palato è pieno, di grande dinamismo e con tannini eleganti e succosi. Si abbina a piatti con carni rossi e selvaggina e formaggi stagionati.

  • Bottiglie prodotte: 15.000.

Fonte: http://www.giuseppesedilesu.com/