il Bruciato

La cantina:

La degustazione:

Abbinamento

I'm a paragraph. Click here to add your own text and edit me. Let your users get to know you.

Il vino:

il Bruciato

La cantina:

La degustazione:

Abbinamento

I'm a paragraph. Click here to add your own text and edit me. Let your users get to know you.

Il vino:

Amarone della Valpolicella docg Barriques

La famiglia:La nostra Cantina fonda il proprio successo e la qualità dei propri vini sulla grande sinergia che ruota attorno ad un team affiatato e consolidato. Gli eredi Zeni, Fausto, Elena e Federica sono il cuore pulsante dell’Azienda, nati e cresciuti nella cultura del vino, hanno saputo cogliere lo spirito e i valori dell’Azienda, portandoli con successo nell’era contemporanea, conquistando la fiducia di rinomati ristoranti ed esigenti palati in tutto il mondo, oltre a numerosi premi e riconoscimenti.

Le singole specializzazioni complementari di ognuno di loro rendono forte e funzionale il meccanismo dirigenziale della Cantina, avvalendosi di un gruppo selezionato di collaboratori qualificati: Fausto, esperto enologo e agronomo, è quindi affiancato dalle sorelle Elena e Federica, specializzate nel settore vendite, accoglienza ed enoturismo, tutti guidati dalla grande esperienza e saggezza della mamma Mariarosa, autentica colonna che sostiene il valore dell’attuale famiglia Zeni.

La cantina:La Bottaia è il luogo dove si elevano i nostri vini Zeni più pregiati: questo momento è forse il più magico. È quando si mettono a contatto sue elementi naturali come il vino e il legno e li si lascia riposare assieme, per mesi. In questo periodo avvengono complesse ed importanti reazioni di carattere chimico-fisico-biologico. Quando sarà ora, il vino che ne uscirà, avrà acquistato caratteristiche pregiate, smorzato la giovanile spigolosità e trovato la perfetta armonia delle sue componenti. L’ essenza dei legni, la stagionatura, la tostatura, sono aspetti importanti: per questo i legni utilizzati per le nostre botti vengono attentamente selezionati prima di essere stagionati all’aria aperta. Barriques, Tonneaux, botti di Rovere Francese ma anche botti di Rovere di Slavonia ed Austriaco sono messe a dimora nella bottaia, con capienze che vanno da 25 a 156 ettolitri: più piccola è la botte più legno ci sarà in rapporto al vino, quindi maggiori saranno le caratteristiche che la botte potrà donare al vino.

La bottaia, che si sviluppa su di una superficie di circa 1400 mq, essendo stata progettata e costruita interamente interrata è in grado di sfruttare la naturale inerzia termica del terreno e l’effetto di isolanti naturali come terra e sassi al fine di ridurre lo sbalzo termico. Questo non solo consente di risparmiare in termini di condizionamento ma permette di avere un ideale interazione tra vino e legno e quindi la migliore regolazione nei processi di elevazione del vino in botte.
La scelta di una struttura interrata risponde all'esigenza di attenuare il più possibile gli sbalzi termici ed assicurare le migliori condizioni di stoccaggio dei vini sia in legno che in bottiglia. Temperatura e umidità sono monitorate e mantenute costanti. Tutte queste caratteristiche fanno della Bottaia il luogo ideale per ospitare botti, Tonneau e Barriques destinati all'affinamento dei nostri vini rossi e bianchi di grande struttura. Una nicchia a sé stante è invece destinata alla maturazione in bottiglia delle annate storiche e più pregiate.

Mi presento:

  • Zona di produzione: Valpolicella Classica (sulla fascia collinare a nord di Verona)

  • Suolo: terreni in prevalenza rossi e bruni su detriti, marne calcaree e basalti

  • Produzione in vigna: ca. 80 q.li per ettaro

  • Vitigni: Corvina 40% – Corvinone 50% – Rondinella 10%

  • Raccolta: a mano selezionando con cura i grappoli migliori provenienti da vigneti di collina. L’uva viene deposta in plateau e lasciata appassire per favorire la concentrazione di zuccheri, estratto, aromi e glicerina

  • Metodi di produzione: appassimento delle uve per 4 mesi e successiva fermentazione tradizionale sulle bucce con macerazione di 20-25 giorni

  • Affinamento: in barriques di rovere francese per 12-24 mesi, a seconda dell’annata, e successivo passaggio in acciaio

  • Dati analitici: alcool 15.4% vol., zuccheri 5 g/l, estratto secco 34 g/l, acidità totale 5.80 g/l, pH 3.50

Note sensoriali:

  • Colore: rosso rubino intenso con riflessi granata

  • Bouquet: avvolgente, vanigliato con sfumature di cacao e spezie

  • Sapore: pieno, armonico, giustamente tannico, con sentori di vaniglia

  • Consumo: vino da gustare al meglio nell’arco di 8-10 anni, servito alla temperatura di 17-19°C, avendo cura di stappare la bottiglia mezz’ora prima della degustazione

Abbinamento: Si sposa a meraviglia con le carni rosse strutturate, con la cacciagione e con i formaggi stagionati. Ottimo con lo stufato di manzo alle bacche di ginepro.